Home > Astronautica > Il prossimo rover marziano atterrerà nel cratere Gale

Il prossimo rover marziano atterrerà nel cratere Gale


Il prossimo rover marziano della NASA atterrerà ai piedi di un rilievo stratificato all’interno del cratere Gale. Mars Science Laboratory (MSL), ribattezzato “Curiosity”, ha più o meno le dimensioni di una macchina, ed il suo lancio è previsto entro la fine di quest’anno per poter atterrare su Marte ad agosto del 2012.
Il cratere Gale ha un diametro di 154 km, e contiene al suo interno una montagna il cui picco si innalza di circa 5000 m al di sopra del fondo del cratere, in alcuni punti ben più in alto del bordo del cratere stesso. La stratificazione geologica di questo rilievo suggerisce che esso sia ciò che rimane di un enorme deposito di sedimenti.
Il cratere è battezzato col nome dell’astronomo australiano Walter F. Gale. La missione primaria prevede un intero anno marziano – circa due anni terresti – durante il quale i ricercatori utilizzeranno gli strumenti a bordo del rover per capire se la regione di atterraggio abbia avuto in passato condizioni ambientali favorevoli a supportare microrganismi e a preservare tracce di eventuali forme di vita esistite sul pianeta.
“Gale è stato identificato come la prima scelta degli scienziati per i loro progetti più ambiziosi con questa nuova missione marziana”, ha dichiarato Jim Green, direttore della Divisione di Scienze Planetarie della NASA. “Il sito offre una vista drammatica dal punto di vista del panorama, oltre ad avere un grande potenziale per scoperte scientifiche significative.” Nel 2006 più di 100 scienziati hanno cominciato a considerare circa una trentina di siti pontenziali per l’atterraggio. Quattro di questi luoghi candidati sono stati selezionati nel 2008.
La NASA ha quindi utilizzato immagini ad alta risoluzione e studi approfonditi sui quattro siti per poi procedere alla decisione finale. Curiosity è due volte più lungo e più di cinque volte più pesante dei precedenti rover marziani. Tra i suoi 10 strumenti scientifici ci sono attrezzature per il campionamento e l’analisi di rocce sul posto. L’energia verrà fornita tramite un generatore a radioisotopi. L’atterraggio avverrà con un innovativo sistema a razzi che calerà il rover sul suolo marziano a bassa velocità mediante dei cavi.
“Una delle cose più affascinanti di Gale è che il cratere si trova in una porzione della superficie di Marte a quota molto bassa, e tutti noi sappiamo che l’acqua scorre in discesa”, ha dichiarato John Grotzinger, scienziato del California Institute of Technology facente parte del team di missione. “In termini di profili verticali esposti e di bassa quota, Gale offre un livello di attrazione paragonabile alla famosa Valles Marineris, il più grande canyon del sistema solare” . Curiosity andrà oltre la strategia di “cercatore di acqua” delle recenti esplorazioni del pianeta rosso. Il payload scientifico del rover è in grado di identificare altri ingredienti utili allo sviluppo della vita, come ad esempio composti organici, contenenti carbonio.
Il rover e le altre componenti del veicolo spaziale sono in fase di assemblaggio e di test finale. La finestra di lancio da Cape Canaveral va dal 25 novembre al 18 dicembre 2011.

Fonte: NASA

[Tratto da Astronautinews – Matteo Carpentieri]

 

Il prossimo rover marziano della NASA atterrerà ai piedi di un rilievo stratificato all'interno del cratere Gale.

Annunci
Categorie:Astronautica Tag:,
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: